venerdì 4 gennaio 2013

il maestro insegna..forse...





... o forse mi prende in giro!
Eh sì, si chiamerà "Sghimbesci e Spatasciati" per qualcosa! Allora, eccomi qui a raccontarvi il mio vero e proprio spatascio, targato Montersino!
Vi descrivo la scena: Natale, i pacchetti sotto l'albero... tanti tanti libri, che si sa che son donna di cultura (ah Ah!) e tra questi spicca questo faccione, che non è niente male,  con tanti bei dolcini in copertina. Luca Montersino nella sua ultima, penso, opera: "Peccati Mignon" ... il giorno dopo, passata la nausea da "ho mangiato-come-un-lupo-ma-perchè-mi-faccio-fregare-ogni-Natale" mi metto a sfogliarlo. Foto spettacolo, passo alle ricette....dopo un po' lo lancerei... Leggo con attenzione vita e opere del maestro, ma di lauree in chimica e/o farmacia non c'è traccia. Di sicuro c'è, l'avrà omessa perchè non "pertinente". Avete mai letto le ricette di Montersino? Tante, tutte insieme? Secondo voi, io che a malapena so cos'è il pdz o il pds (quest'ultimo acronimo mi ha gettato nel panico...ho immaginato un mese intero a tentare di codificarlo e invece era un semplice Pan di Spagna!), posso sapere cos'è il TPT ... la Xantana, il maltitolo, l'isomalto? Dove lo vado a pescare il glucosio liquido, quello disidratato e l'acido citrico in polvere? Perchè se fai un libro di ricette di cucina devi anche immaginare che lo compri la casalinga di Pavia e anche lei, poverina, debba capire quello che c'è scritto! Io non ho una Laurea in Chimica e neanche in Farmacia (come dico sempre, ho la laurea sbagliata) e sappia, signor Maestro, che posso provare a fare una sua ricetta solo nel we, perchè lavoro, ho un figlio, una casa e financo un gatto! Inoltre, caro Maestro, sappia che non posso girar Milano, che è grandina, a chiedere ad ogni negoziante, se ha l'Agar - Agar o la Xantana, che il meglio che mi danno come risposta è: "cosa l'è?". Ecco, signor Maestro, lo sappia! E per fortuna che in rete mi informano che ogni ingrediente strano ha un corrispondente o similare "normale"...
Per ultimo, caro Maestro, so che il glucosio è lo zucchero, adesso lei mi spiega perchè in una stessa ricetta c'è zucchero, glucosio liquido e disidratato? Non è che poteva usarne uno solo, magari normale o di canna che fa figo? Ultimissimo, sono la casalinga di Pavia, ma sappia che so che cos'è l'amido di mais, non c'è bisogno che lo scriva tra parentesi...quello lo so! Nella prossima edizione, per favore, scriva cosa sono quei paroloni di cui sopra, pliss, e non scriva più "Scuola di Pasticceria", che poi mi escono le parolacce!
Ok lo dovevo scrivere, e se qualcuno glielo dice meglio, che mi son sentita presa in giro a leggere quel libro e ho scartato tutte le ricette meno un paio, perchè c'era qualche casino di ingrediente! Dopo questa, me ne è rimasta una sola da provare, signor Maestro, però mi è passata la voglia!
Comunque, va beh ci ho provato è andata male. Epperò l'agar-agar l'avevo trovato, dopo lunga e affannosa ricerca! Però la xantana no e deve essere stato lì l'errore. Da buona casalinga di Pavia ho pensato che se la xantana è un addensante e l'agar-agar pure, o similare, potevo anche mettere un pochino in più di agar agar e sarebbe riuscito lo stesso, invece no!
Dev'essere per forza lì l'errore perchè ho eseguito la ricetta, pure corredata di foto esplicative, come un "marine", senza farmi domande, ma con fiducia totale. Ho perfino cambiato le pile alla bilancia, vuoi mai che mi pesi male proprio ora!
Ho sproloquiato abbastanza ...passiamo alla ricetta, che non poteva che essere che questa dato che ho un'adorazione per il Mojito!

Mojito cubotti (dovreste vedere la foto, ma penso che mi arresterebbero...)

in sostanza trattasi di cubi di mojito ricoperti di cioccolato e infilati in stecchi lunghi!

50 gr di rum bianco
3 lime
5 gr. buccia di lime
35 gr zucchero di canna
100 gr acqua tonica
5 gr agar-agar (io 7)
100 gr acqua
1 gr foglie di menta

per la finitura (lui io non ci ho provato...)
200 gr cioccolato fondente 55%
100 gr burro di cacao (!!!!!!!)
zucchero di canna muscovado (????)




Frullare i lime con lo zucchero di canna, tutto compreso la buccia. Far passare il composto attraverso il colino, scaldatene una parte fino a bollore con l'agar-agar. Unire la parte fredda e frullate nuovamente con la xantana. Unire tonica, rum e foglie di menta e aggiungere la scorza di lime grattuggiata. Colate all'interno di uno stampo quadrato in silicone e congelate. Estrarre dal freezer quando è congelato, togliere dallo stampo e tagliare a cubotti (qui vi voglio!). Infilzate ogni cubotto con uno stecco. Per la finitura, intingete ogni cubotto nel cioccolato fondente sciolto a bagnomaria con il burro di cacao. I miei si sono sciolti... han resistito mezz'ora....però eran buonini, tanto :)




16 commenti:

  1. Non ti inc.....anche se.....hai ragione!!! E' vero, però, che questi cubotti devono avere un gustino fantastico e ci puoi sempre unire un pezzettino di cioccolato....

    RispondiElimina
  2. ahahahah a parte che non ho il libro di montersino o,meglio, non ho neppure un libro di montersino, devo dire che capisco e condivido lo smarrimento di fronte agli ingredienti dai nomi inquietanti e dal reperimento improbabile di cui fanno spesso sfoggio alcuni guru della cucina... Proporrò però questa chiccheria a Franco, altrettanto fan del mojito...ma il mio apprezzamento massimo di semi astemia va al bicchiere di Gardaland!!!! Un abbraccio e un milione di auguri di buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e vabbè non pensavo di pubblicarlo.... poi ho pensato chissene, tanto spatascio per spatascio...:)

      Elimina
  3. grande giulia, grandissima!!

    anch'io ho un'adorazione per il mojito (anche se basta mezzo bicchiere per stendermi...) e ci credo che son buoni questi cubotti qua!!!

    montersino - che adoro, sia chiaro - scrive dei libri assolutamente ermetici... anch'io ne ho qualcuno e di ricette davvero realizzabili ce ne sono proprio pochine. mi rifiuto di andare a cercare tutti quegli ingredienti sconosciuti, ma so che sarebbero sostituibili con cose più facilmente reperibili e non capisco perché il "maestro" non le indichi!

    ps: dai, lo zucchero muscovado è facile facile (al naturasì c'è di sicuro, ma credo di averlo visto anche alla coop). bacioooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo zucchero muscovado non l'ho cercato... ormai ero sfinita... :)

      Elimina
  4. Cara Giulia, con Montersino mi trovi perfettamente in linea con le tue "critiche", ma nono dirlo in giro ti potrebbero linciare!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non discuto le qualità, ma il modo di esprimere il suo sapere...:)

      Elimina
  5. Grandissima la mia casalinga di Pavia :-)
    Dopo qualche tentativo ho capito che le ricette dei "Maestri" è meglio prenderle con le pinzette e misurarle con la nostra esperienza....reale!

    RispondiElimina
  6. bella la casalinga di Pavia eh... sono io...sì sì lo lascio lì il maestro...basta grazie!

    RispondiElimina
  7. Che bello, non hai abbandonato il blogghino!

    RispondiElimina
  8. a me è piaciuto di più ancora il riferimento all'obbediemza del "marine" :-DDD

    RispondiElimina
  9. Anch'io sono d'accordo con te. Non penso che un tempo conoscessero lo xantano, ma i dolci venivano buonissimi lo stesso.
    Pensa che la prima volta che ho letto olio "evo" ho pensato che fosse un olio particolarissimo!!!
    Bella scelta però questi cubotti, sicuramente saranno stati ugualmente buoni.

    RispondiElimina
  10. esatto...cubotto buonissimo, bisogna ubriacarsi in fretta però!

    RispondiElimina

lasciate un segno del vostro passaggio... se volete! :)