venerdì 18 maggio 2012

il mistero della chiavetta scomparsa e il gelato di fragole




Qualche giorno fa una compagna di merende (di Blog) si lamentava in un post che il suo bambino, 8 anni, era riuscito a perder la cartella, poi fortunatamente ritrovata.Ieri notte alle due l'ho pensata intensamente...già pensata, non sognata. In effetti io e l'amorevole micina stavamo dormendo della grossa, quando un insieme scozzato di gride soffocate mi ha strappato al sonno. Il bambino, il mio, anni 15, si stava innervosendo perchè non trovava la chiavetta del computer e doveva assolutamente copiare una cosa da portare a scuola oggi. Già perchè la sua prof., avendo scoperto che lui è un maghetto del computer (passandoci le giornate ci mancherebbe altro...), gli ha affibbiato un compitino in più, una serie di grafici per una sua presentazione personale. Non sia mai che una prof. sia scontenta, soprattutto se non brilliamo nella sua materia, e così da una settimana passa le notti sul computer, elaborando grafici mirabolanti. Torniamo a stanotte: "Ecco sposti sempre le mie cose!" e figurarsi se non era colpa mia! "Ci avrà giocato la gattina" - ripete - e dividiamo le colpe! Si presenta anche la gattina, quasi si sentisse chiamata in causa, svegliata dal gran fracasso, con le zampine alzate in segno di diniego. E qui intervengo io, perchè la camera del mio bambino 15enne assomiglia ad una bolgia infernale, dalla quale io prelevo, con pazienza certosina, calzini, magliette e quant'altro, quando i mucchi si fanno "importanti". In quel casino, ehm bolgia, stanotte ci siamo messi in tre a cercare la fantastica chiavetta, ma essendo lei piccola e simpaticamente blu (la prossima la compro giallo fluo) nada de nada. Dalle due alle tre di notte a cercare come pazzi, io che trattenevo l'impeto di andare a prendere il mattarello e lui che si lamentava di tutto, di me, della gatta, della mala sorte e quant'altro gli venisse in mente. Alle tre, confesso che a quell'ora l'impeto era quasi irresistibile, guardandomi in faccia ha capito che occorreva desistere e così si è arrabattato in qualche maniera. A quel punto però avevo una gattina scatenata, che ho calmato solo dopo mooooltissime coccole. Al mattino, visto che son coriacea, ho ripreso le ricerche, ma niente ho dovuto arrendermi...Sconsolata, mi son messa alla ricerca di qualcosa di buono da cucinare e  ho scoperto il fantastico gelato alla Fragola di se cucino ...sorrido di Giulietta e in men che non si dica l'ho fatto, buonissimo! Ho apportato qualche piccola modifica, la ricetta originale la trovate qui.

Gelato di fragole all'aroma di menta




gr 750 di fragole
gr 150 zucchero
gr 250 panna
1 limone
20 foglioline di menta circa

Lavate e tritate la menta, non troppo finemente, aggiungete le fragole lavate e a pezzetti, il limone spremuto e il resto degli ingredienti. Io non ho la gelatiera e quindi ho usato il metodo artigianale. Ho messo il composto in freezer e ogni ora per 4 o 5 volte l'ho tirato fuori e l'ho "mantecato" bene. E' un metodo empirico, ma funziona sempre! Guarnite con foglie di menta fresca 
ciao
Giulia







16 commenti:

  1. hahahahaha Giulia!!! Chissà perchè mi sembra di conoscere quella delle merende?!
    Forse dovrei piangere ma il tuo racconto mi ha messo allegria e, inoltre, ho capito il perchè del fischio intenso alle orecchie che mi ha destato questa notte =D
    Comunque, una volta capito il messaggio (di capitolare, tanto perderanno sempre qualche cosa...) voglio proprio provare il gelato con le tue varianti.
    Ho deciso che è tempo di togliere la gelatiera dal letargo!
    Buona giornata e... tieni duro!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va be' Nora puoi solo prepararti... :) è buono, qui è già finito:)

      Elimina
  2. che nottata... io non ci avrei pensato due volte e il mattarello (o anche un bazooka, fai tu) l'avrei tirato fuori eccome! meno male che puoi consolarti con questo gelato!!!!

    non ti dico cos'è la camera di mia figlia (anni 17)... dai, mal comune mezzo gaudio :))

    maaaaa... la chiavetta è poi saltata fuori??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Cristina,
      il fanciullo mi resta grande e grosso; meglio evitare! no, non è mezzo gaudio, però consola, come il gelato! :)

      Elimina
  3. lo riconosco dalla foto ;-) e so che è buonissimo! Auguri per il tuo blog. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del prestito, spero che funzioni il link!

      Elimina
  4. e la pennetta del mio preferito? :-)))) Dove l'avevi nascosta? Mattacchiona che sei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo preferito andrebbe preso a calcioni due a due fino a che non diventan dispari; ci vorrebbe un po' di cura modello Generale Daniela! Baciottini alle mie cucciole;

      Elimina
  5. uuuuu mamma non oso pensare a cosa mi aspetta!!! i miei hanno quasi 10 e 4 anni...e già mi incolpano di tutto!!! meno male che hai avuto la bella idea di prepararti questo bel gelato ....sicuramente sarà stata una dolssima consolazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio non saperlo!!! sì era buonissimo, però è finito :)

      Elimina
  6. ussignur giulia, fra te e tata nora mi fate venire n'ansia!!
    la tragedia è che io non ho bambini ma un'omone di 34 anni che praticamente è la fotocopia esatta dei vostri piccoli, perde, strepita e accusa!.....la micia si defila invece!

    RispondiElimina
  7. E ora però veoglio il finale: alla fine la chiavetta, l'avete trovata?????? :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naaaa! secondo manuale quando l'emergenza finisce non si cerca più...fino alla prossima! :(

      Elimina
  8. ohh mammma, già mi immaggino tra qualche annetto in una scena del genere appena le bimbe iniziano a crescere!! intanto penso al gelato che è sicuramnete da provare!
    Un bacio
    Terry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì meglio non sapere cosa ci aspetta...Grazie

      Elimina

lasciate un segno del vostro passaggio... se volete! :)